L'anima buona del Sezuan - di Bertold Brecht

L’anima buona del Sezuan

Autore: Bertold Brecht
Editore: Einaudi
Pagine: 130
Prezzo di copertina: 12,00 euro
ISBN: 9788806064037

Shen Te fa la prostituta e lo fa per necessità. Quando tre Dei si presentano da lei dicendo di trovarsi per il mondo alla ricerca di almeno un’anima buona e di averla identificata in lei, fatica a crederci. Fa allora presente loro di essere una prostituta. A questa remora risponderanno che tale occupazione dipende dal suo stato di necessità e le daranno del denaro, dicendo di essere sicuri che il suo utilizzo dimostrerà quanto da loro sostenuto.

Shen Te aprirà, infatti, una piccola tabaccheria e non negherà mai a nessuno il proprio aiuto, proprio per tale motivo entro breve la gente comincerà ad approfittare di lei. Ed è così che Shen Te finirà per trasformarsi in Shui Ta, suo cugino, il quale, senza scrupolo alcuno, prenderà su di sé il compito di vendicare le ingiustizie subite da Shen Te, fino al finale dove i tre Dei, tornati per comunicarle di non aver trovato nel mondo altra anima buona oltre lei, esprimeranno il loro giudizio.

In questa eccezionale opera Brecht espone la propria idea di bontà, contrapponendo al concetto del porgere l’altra guancia, quello che la bontà debba essere una scelta sempre valida ma anche funzionale a quella nei propri confronti, tendendo sempre verso la giustizia. Va bene interpretare la parte del proprio Shui Ta affinché sia fatta giustizia nei nostri confronti, senza però perdere mai la nostra Shen Te. Brecht fa riflettere senza pretendere di educare i propri lettori/spettatori. Ed è proprio questo meccanismo che spinge il lettore a porsi delle domande e a rivedere le proprie convinzioni e le proprie scelte, a rendere unico ed eccezionale questo autore.