di Leonardo Aldegheri

[PARTE III] Hai già letto il precedente articolo?

Il successo non si ottiene nella competizione. Lì troverai sempre qualcuno più bravo, più veloce, più competente, più competitivo … qualcuno di più. Invece, nella creatività come elemento sostitutivo della competizione, risiedono l’ideazione, l’esecuzione e l’introduzione di qualcosa di nuovo che è la soluzione diversa a quel qualcosa di esistente e che può essere migliorato.

Molti si domandano che cos’è il successo. Pochi sanno dare una risposta che sia esaustiva e univoca.

Il successo non è uguale per tutti

Per alcuni è tornare a casa la sera e abbracciare i propri figli. Per altri è Wall Street. Per altri è inventare un computer. Per altri è strofinare il denim allo scopo di venderlo agli americani, che il denim l’hanno inventato.

Forse per capire il successo, occorre anche capire l’insuccesso, il non accaduto se non il fallimento vero e proprio.

Il fallimento fa parte del successo

Cos’è dunque un fallimento?

Il fallimento è il decretamento di un qualcosa che non ha funzionato ed esistono molti modi per non arrivarci. Prima di arrivare al successo bisogna per forza di cose passare per il fallimento. Cioè per tanti tentativi quanti ne servono per arrivare a far sì che quella cosa funzioni. Tecnicamente, un’azienda va in default quando non ha più finanza per far fronte ai propri impegni. Una persona che fallisce tenta, tenta e ritenta e non riesce. Ma non fallisce finché ci sta provando. Allora più che bastonarla, andrebbe incoraggiata. Occorre fiducia e non denigrazione.

Successo e competizione… attenzione!

Viviamo nella parte di mondo in cui c’è abbondanza di strumenti e abbondanza di chi li usa. Si chiama mercato e in esso tutti competono.
Il successo non si ottiene nella competizione. Lì troverai sempre qualcuno più bravo, più veloce, più competente, più competitivo… qualcuno di più. Invece, nella creatività come elemento sostitutivo della competizione, risiedono l’ideazione, l’esecuzione e l’introduzione di qualcosa di nuovo che è la soluzione diversa a quel qualcosa di esistente e che può essere migliorato.
Succede che risolve. Succede che è accaduto.

VUOI LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO? ACQUISTA IL N. INTERAMENTE DEDICATO AL SUCCESSO (CLICCA QUI)