Educatori Esperienziali in Natura

Autore: Christian Mancini
Editore: 78EDIZIONI
Pagine: 260
Prezzo di copertina: 32,00 euro
ISBN: 9791280013033

Nell’introduzione al manuale, Educatori Esperienziali in Natura di Christian Mancini, lo stesso autore dichiara l’intento del suo lavoro.

“Per non rischiare di stare seduti per ore, dentro un’aula, a leggere o a dire quanto sia importante per il benessere delle persone uscire all’aperto e muoversi, questo libro è un impulso ad andare in natura e a muoversi davvero, giocando, esplorando, curiosando, scoprendo. Una prima parte, più riflessiva, vuole raccontare cosa sono l’apprendimento esperienziale e l’Outdoor Education, soprattutto perché in Italia si conoscono da poco, e spesso si fa confusione in merito alla terminologia e alle loro pratiche. La gran parte del libro, poi, descrive l’approccio outdoor legato ai ritmi naturali e un gran numero di attività pratiche da fare in natura insieme ai bambini, a scuola e in famiglia. La natura offre esperienze indimenticabili e farle con altri significa consolidare una relazione con il legame del piacere, della gioia, del divertimento e del benessere, a patto però che ci sia qualcuno che sappia rendere queste esperienze significative e positive”.

Questo manuale è un invito alla formazione, a mettersi in gioco in prima persona, a coltivare la biofilia, ossia l’amore per la vita, che è qualcosa di più profondo del semplice rispetto, perché riguarda tutti intimamente. È diviso in tre parti. La prima parte, Pensare e capire, definisce la cornice teorica di riferimento; la seconda, Sentire e agire, affronta il tema del gioco nella formazione esperienziale e di come prepararsi per andare in Natura; la terza, Un anno in Natura, raccoglie attività, storie, osservazioni per un anno in Natura iniziando dall’autunno.

Questo lavoro nasce dall’impegno di persone biofile, appassionate della natura selvatica e di quella umana.
Davide Donadi ha reso ancora più completo il manuale attraverso le sue illustrazioni.
Ha curato il libro Raffaella Cataldo, che collabora da anni con Mancini.
La Prefazione è di Giuseppe Barbiero, Docente di Biologia e Ecopsicologia presso l’Università della Valle d’Aosta.