La guerra degli scrittori - di Kempes Astolfi - recensione78PAGINE

La guerra degli scrittori

Autore: Kempes Astolfi
Editore: Prospettiva Editrice
Pagine: 498
Prezzo di copertina: 16,00 euro
ISBN: 9788894995336

Un romanzo atipico, inconsueto, diverso, in grado di ghermire gli occhi del lettore e tenerli sulle pagine fissi, fino alla fine, con un abile gioco di scatole cinesi, rimandi, anticipazioni e salti temporali tra la Ellicot city dell’88 e la sfavillante New York del ‘75, dove si consuma la più incredibile delle gare, una guerra a colpi di creatività, fatta, per citare l’autore, “di colpi bassi, colpi di scena, colpi in faccia e colpevolizzazioni reciproche”.

Scritto con uno stile sincopato, caratterizzato da capitoli brevi e anticipazioni. L’autore Kempes Astolfi confeziona personaggi a cui è impossibile non affezionarsi, provando empatia per la loro storia e spingendo il lettore ad andare fino in fondo, il più in fretta possibile, per scoprirne il destino, i loro trascorsi e il loro futuro.

Altro colpo da maestro dell’autore è superare la barriera del romanzo e della pagina scritta, incidendo e consegnando al lettore le quattro tracce musicali che attraversano la storia di Ethan, Ryan, Connie e di tutti coloro che, in un modo o nell’altro, saranno spettatori attivi o inconsapevoli della più incredibile battaglia creativa mai raccontata! Ellicot city, 1988, Ethan è un leader, dotato di un carisma capace di trascinare le masse e di un’intelligenza fine e superiore, eppure tutto ciò potrebbe finire per portarlo su di una cattiva strada, perché il ragazzo ha solo nove anni e una terribile rabbia dentro.

E poi c’è Ryan, un uomo solitario e rinchiuso in se stesso, un uomo che sente su di sé la responsabilità di salvare il ragazzo, anche per trovare la redenzione per le responsabilità che pesano sul suo passato. A farli incontrare è l’assistente sociale Connie Henderson. Inizia così il racconto della storia più incredibile mai raccontata, il passaggio da una generazione all’altra della storia della Guerra degli scrittori.