ACQUISTA ORA

Manuale di zoologia fantastica

Autore: Jorge L. Borges e Margarita Guarrero
Traduttore: F. Lucentini
Editore: Einaudi
Pagine: 163
Prezzo di copertina: ND
ISBN: 9788806114527

Perché il rinoceronte sì e l’unicorno no? Perché il coccodrillo sì e il drago no? Se puoi immaginarlo, allora esiste.

Jorge Luis Borges, con l’aiuto di Margarita Guerrero, crea un’opera forse unica, che sulla falsariga dei bestiari in voga nel medioevo, cataloga e definisce alcune delle infinite possibilità combinatorie che da sempre danno vita a creature fantastiche, mitologiche, enormi o evanescenti, di buona indole e auspicio o per contro demoniache e annunciatrici di sventure.

E così il lettore si troverà ad ammirare le sirene, rappresentate nei secoli in modi tanto differenti, o a farsi terrorizzare da bestie immonde come Basilischi o Manticore, ma anche commuoversi per il triste destino dello Squonk, conosciuto da pochi fuori dalla Pennsylvania, il più sfortunato degli animali che piange continuamente e nelle sue lacrime si dissolve.

Esiodo, Virgilio e Dante: questi cita Borges nel suo manuale alla voce Cerbero, tra coloro che lo hanno descritto, dipinto, inventato. Una voce tra tante che vanno dalla A di A Bao A Qu, essere che si nutre della grandezza spirituale degli uomini, fino alla Z di Zaratán, enorme mostro marino, tartaruga o balena in base alle leggende, in grado di ingannare i marinai che, a causa delle sue enormi dimensioni, finiscono per confonderlo con un’isola.

L’autore esplora un’ampia gamma di mostri e creature fantastiche, non le inventa, semplicemente indaga, con spirito classificatore, leggende, miti, letteratura e tradizioni orali, lo fa indistintamente da oriente a occidente, pescando a piene mani nel patrimonio culturale di infiniti luoghi e popoli, reinterpreta, cita, a volte copia, come per l’Odradek, dai sui colleghi scrittori. “Manuale di zoologia fantastica” è, mi si perdoni la ripetizione, fantastico, da leggere in ordine o spizzicando le pagine, lasciando che sia la curiosità a guidare la lettura, un libro per perdersi e stupirsi nello scoprire creature note e sconosciute, per riprovare, davanti ad una nuova scoperta, lo stupore dei bambini, quello che non pone limiti alla fantasia.